Articolo in evidenza

Recensione, Siouxsie and Banshees

scritto da arquen

siouxsie-and-the-bansheesCome tutti ben sapranno il genere Punk ha avuto tra le sue culle principali il Regno Unito ed è qui che iniziò la carriera della band Dark-wake (oppure Gothic rock) chiamata Siouxsie and Banshees.

Nati A Londra nel 1976 per mano della cantante Susan Janet Ballion, meglio conosciuta come Siouxsie Sioux. Il suo gruppo inizialmente chiamato “The Banshees” (dal nome di una leggendaria creatura irlandese, il fantasma di una donna tormentata che con le sue grida poteva uccidere sul colpo un essere vivente) era nato per fare delle cover dei celebri Sex Pistol.

La formazione originale era composta, oltre che da Sioux, da: Steven Severin (basso), Sid Vicious (batteria) e Marco Pirroni (chitarra). Tennero il loro primo concerto nel famoso “100 CLUB”, proprio quello appartenente a Malcolm McLaren, la mente dietro al grande progetto Sex pistol.

Negli anni ottanta il gruppo continuò a produrre album su album, ma continuando anche a cambiare i componenti della band (solo Sioux resisteva), fino a quando non arrivò il batterista Edward Clarke, meglio conosciuto come Budgie, nonchè futuro marito di Ballion (si sposerano nel 1991, anno in cui i due decideranno di occuparsi di un progetto musicale tutto loro, chiamato “The Creatures”), portando un certo livello di stabilità nella band.

Proprio dagli anni ottanta i Siouxsie and Banshees ottenero i loro maggiori successi, e le loro canzoni spesso vennero utilizzate per le colonne sonore dei film di quel tempo (ad esempio il brano “Face to Face” nel film Batman – il ritorno del 1995).

Nel 1996 il gruppo alla fine si sciolse per motivi interni. Nel 2002, però, un invito a suonare da parte del Coachella Music & Arts Festival, che si tiene annualmente in California, ha dato vita a un tour con la formazione originale, chiamato Seven Year Itch Tour, accompagnato successivamente da Best Of Siouxsie and the Banshees e dal CD/DVD, registrato nelle serate di Londra, intitolato The Seven Year Itch, che ripropone, a sorpresa, brani meno noti del repertorio della band. Ciò comunque non indicò un loro ritorno, anzi, nel 2003 la coppia Budgie-Sioux fece uscire il terzo album dei Creatures.

Note

  • Paese d’origine: Inghilterra
  • Genere: Punk rock, Post-punk, New wave, Gothic rock, Alternative rock
  • Periodo di attività: 1976-1996 / 2002-2002
  • Componenti: Steven Severin, Siouxsie Sioux, Sid Vicious, Marco Pirroni, Budgie

Discografia

Album:

  • 1978 – The Scream
  • 1979 – Join Hands
  • 1980 – Kaleidoscope
  • 1981 – Juju
  • 1982 – A Kiss in the Dreamhouse
  • 1984 – Hyæna
  • 1986 – Tinderbox
  • 1987 – Through the Looking Glass
  • 1988 – Peepshow
  • 1991 – Superstitionv
  • 1995 – The Rapture

Album dal vivo:

  • 1983 – Nocturne
  • 2003 – The Seven Year Itch

Raccolte:

  • 1981 – Once Upon a Time: The Singles (LP, MC, CD) singoli 1978-1981
  • 1992 – Twice Upon a Time: The Singles (2LP, 2MC, CD) singoli 1982-1992
  • 2002 – The Best Of
  • 2004 – Downside Up (4CD)
  • 2009 – At The BBC (3CD + 1 DVD)

Link

Articoli correlati

Recensione, The Sisters of Mercy
Recensione, Joy Division
Segui i commenti tramite Feed RSS 2.0 oppure fai un trackback.

Scrivi un commento

Utilizza un e-mail valida altrimenti il tuo commento non sarà pubblicato.


I video spot più cliccati del Web:

  • Boscodark


  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video