Articolo in evidenza

Recensione, Joy Division

scritto da arquen

joydivisionI Joy Division sono stati una band post-punk inglese formatasi a Salford, nella contea di Greater Manchester, nel 1977. Il nome del gruppo deriva dalla denominazione delle baracche femminili dei campi di concentramento nazisti di cui racconta il libro “The house of dolls” di Ka-Tzetnik 135633 del 1955.

Il gruppo fu formato da Bernard Sumner (Bernard Albrecht), Stephen Morris, Peter Hook e Ian Curtis, il carismatico cantante suicidatosi il 18 maggio del 1980, all’età di 23 anni. I Joy Division pubblicarono i loro album con la casa discografica indipendente Factory Records.

Caratteristiche dal punto di vista scenico nei Joy Division erano le digressioni, le degenerazioni e le movenze di Ian Curtis, con le quali il front man simulava gli attacchi provocati dalla epilessia, da cui era affetto.

L’immaginario lirico presenta tinte fortemente goth, intrise della disperazione personale di Curtis. Le liriche nascondono spesso messaggi di morte che preannunciano i propositi suicidi del loro giovane autore rendendo lugubre ed opprimente l’atmosfera delle canzoni.

Caratteristica musicale principale è il dominio del basso di Peter Hook e della batteria di Stephen Morris, a discapito della chitarra di Bernard Sumner. La sezione ritmica dei Joy Division farà scuola in tutta la new wave successiva ed in particolare nel dark rock degli anni ottanta.

I Joy Division restano tra le più famose ed influenti band della storia della musica moderna. La disperata malinconia dei testi e le musiche veloci e cadenzate hanno rappresentato il modello con il quale hanno dovuto fare i conti tutti i gruppi inglesi pop-rock degli anni successivi.

Note

  • Paese d’origine: Gran Bretagna
  • Genere: Post-punk
  • Periodo di attività: 1977 – 1980
  • Componenti: Ian Curtis, Peter Hook, Stephen Morris, Bernard Sumner

Discografia

Album:

  • 1979 – Unknown Pleasures
  • 1980 – Closer

EP:

  • 1978 – An Ideal for Living
  • 1986 – The Peel Sessions (1986)
  • 1987 – The Peel Sessions (1987)

Live:

  • 1999 – Preston 28 February 1980
  • 2001 – Les Bains Douches 18 December 1979
  • 2001 – Fractured Box
  • 2004 – Re-fractured Box

Raccolte:

  • 1981 – Still
  • 1988 – Substance
  • 1990 – The Peel Sessions
  • 1994 – Warsaw
  • 1995 – Permanent
  • 1997 – Heart and Soul
  • 2000 – Joy Division The Complete BBC Recordings
  • 2007 – Martin Hannett’s Personal Mixes
  • 2007 – Let the Movie Begin
  • 2008 – The Best of Joy Division

Singoli:

  • 1979 – Transmission
  • 1980 – Licht und Blindheit
  • 1980 – Komakino
  • 1980 – Love Will Tear Us Apart
  • 1980 – Atmosphere
  • 1988 – Atmosphere

Videografia:

  • 1982 – Here Are The Young Men
  • 1988 – Substance Video

Video

Link

Articoli correlati

Recensione, The Sisters of Mercy
Recensione, Siouxsie and Banshees
Segui i commenti tramite Feed RSS 2.0 oppure fai un trackback.

Scrivi un commento

Utilizza un e-mail valida altrimenti il tuo commento non sarà pubblicato.


I video spot più cliccati del Web:

  • Boscodark


  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video